Crea sito

Colpa di Alfredo?

Tempo di lettura: 3 minuti

Ho perso un’altra occasione buona stasera
È andata a casa con il negro, la……..
Mi son distratto un’attimo
Colpa di Alfredo
Che con suoi discorsi seri e inopportuni
Mi fa sciupare tutte le occasioni
E prima o poi lo uccido, lo uccido

Citato Vasco Rossi vorrei capire perché sto sacramento di Comune de La Valletta Brianza non vede oltre ai danni che vuole commettere con Villa Sacro Cuore!

Per la seconda volta, grazie anche alle sollecitazioni degli europortavoce del Movimento 5 Stelle, si è aperto un bando per il WiFi libero e gratuito, ma alla nostra amministrazione frega poco e nulla. E probabilmente siamo già in ritardo per la presentazione della candidatura per l’assegnazione dei finanziamenti.

A cosa servirebbe? Prima di tutto ricordiamoci che nella nostra cittadina esistono anche i giovani e non solo vecchi bacucchi ostili ad ogni cambiamento. Sarebbe una ventata di innovazione tecnologica che modificherebbe alcune ammuffite consuetudini paesane.

Poi sarebbe anche utile per molti servizi e tra questi la diretta streaming dei Consigli Comunali (che è vero che durano 3 minuti circa perché tutto è già deciso a tavolino…..ma almeno la gente potrebbe vedere come funziona esattamente la macchina amministrativa. Ah! Forse è per questo che non la fanno?).

Ma niente. La nostra Amministrazione è concentrata sullo scempio economico di Villa Sacro Cuore e poco gliene può importare di offrire servizi ai cittadini.

Ma se si volessero svegliare faccio loro la cortesia di riportargli la modalità di accesso alla domanda di partecipazione. Non si sa mai che gli venga in mente di fornire una volta tanto un serczio utile per la comunità!

 

Accesso al bando: https://ec.europa.eu/digital-single-market/en/wifi4eu-wi-fi-gratuito-gli-europei?lang=it

Riprendo da questo articolo: https://www.newslinet.com/web-riprende-il-bando-wifi4eu-per-la-connessione-wi-fi-gratuita-negli-spazi-pubblici/

Web. Riprende il bando WiFi4EU per la connessione wi-fi gratuita negli spazi pubblici

In autunno sarà possibile per i comuni e le associazioni di comuni partecipare al bando WiFi4EU, dopo che nello scorso mese di maggio è stato annullato il primo invito a presentare candidature per l’iniziativa volta a realizzare hotspot gratuiti sul territorio europeo. Della bontà del progetto finalizzato a realizzare connessioni wi-fi ad accesso libero ne avevamo già parlato.
Gli enti locali interessati potranno presentare la propria candidatura registrandosi su un’apposita piattaforma ed inviando la richiesta.

Le domande debbono essere completate tramite l’invio di due documenti giustificativi, caricati sul portale WiFi4EU: il modulo della “prova dell’approvazione” da parte del rappresentante del comune (il sindaco) e la copia dell’atto di nomina dello stesso.
Alle domande conformi sarà data rilevanza sulla base di un criterio temporale, cioè privilegiando quelle pervenute prima; mentre l’importo sarà versato alle società che avranno realizzato l’impianto solamente quando questo sarà confermato come funzionante.

Per facilitare l’incontro tra beneficiari e professionisti sarà possibile l’iscrizione sul portale dei fornitori di servizi e delle società interessate. Tuttavia, la registrazione è in ogni caso necessaria per quelle imprese che hanno realizzato l’opera, al fine di riscattare la sovvenzione europea.
Ad ogni Paese membro dell’Unione, saranno garantiti un minimo di 15 buoni ed un importo massimo non superiore all’8% del budget complessivo stanziato dall’UE, pari a 120mln di euro (secondo quanto riportato dal quotidiano Italia Oggi).
Ai comuni assegnatari del voucher sarà concesso un anno e mezzo di tempo per la realizzazione dell’impianto e la sua messa in funzione.

Qualora i costi siano superiori al contributo europeo, saranno gli stessi beneficiari a doversi accollare la differenza.
Dopo l’avvio del sistema, la connessione wi-fi gratuita dovrà essere garantita per almeno tre anni: i costi di mantenimento dell’impianto e di gestione dell’abbonamento resteranno quindi a carico degli enti locali.
Si tratta di un progetto volto a rendere l’accesso internet accessibile a tutti: come ha affermato Jean-Claude Juncker in un discorso sullo stato dell’Unione del settembre 2016, “connettività a beneficio di tutti vuol dire che dove si vive e quanto si guadagna non sono importanti. Oggi proponiamo quindi di dotare entro il 2020 ogni paese e città europei di un accesso gratuito a internet senza fili nei principali punti di aggregazione pubblica sul territorio”. Che dire, attraverso questo bando si sta procedendo sempre di più verso un’Unione senza barriere che permetta a tutti di restare connessi: un’Europa 4.0. (P.G. per NL)

Commenti da Facebook
(Visited 76 times, 1 visits today)
Condividi
  • 4
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
    4
    Shares
Vai alla barra degli strumenti