Il 25 novembre ci ricorda che le forme di violenza contro le donne rimangono tra le più diffuse violazioni dei diritti umani nel…

Tempo di lettura: 2 minuti

Il 25 novembre ci ricorda che le forme di violenza contro le donne rimangono tra le più diffuse violazioni dei diritti umani nel mondo. Si tratta di abusi fisici e sessuali, di violenza psicologica ed emotiva, così come di tradizioni e pratiche culturali pericolose per la salute e la vita delle donne, di prostituzione forzata, di traffico di esseri umani. Nei casi più estremi, la vittima di violenza viene uccisa: in Europa questo avviene ancora oggi ogni sei ore, spesso per mano del partner.

Le storie drammatiche riportate dalla cronaca quotidiana risvegliano le nostre coscienze sui comportamenti violenti e discriminatori che hanno conseguenze fisiche, psicologiche ed economiche sulle vittime, pregiudicando la piena ed equa partecipazione nella società. Una donna su tre nell’Unione europea ha subito violenze fisiche e/o sessuali. Ad oggi, purtroppo, il fenomeno è stato affrontato con misure giudiziarie e repressive non sufficienti. È inoltre intollerabile che alcuni Stati Membri si rifiutino ancora oggi di ratificare e attuare la Convenzione di Istanbul.

L’Unione europea deve perseguire ogni azione legislativa, sociale e culturale per consentire alle donne di difendersi, superare la paura di denunciare e essere giudicate. Dobbiamo aiutare le vittime con misure di sicurezza e di supporto psicoterapeutico. Dobbiamo metterle nella condizione di andare via da casa con i loro figli, di riconoscere la patologia del partner, la tossicità della relazione e i segnali dell’escalation violenta.

Ma non basta. Rafforzare la protezione e l’assistenza delle vittime, perseguendo i colpevoli, è solo un aspetto della battaglia da combattere. Dobbiamo fermare la violenza prima che si verifichi, con politiche di prevenzione in grado di affrontare le cause strutturali del fenomeno e promuovere una effettiva uguaglianza di genere. Dobbiamo insegnare ai più giovani, a partire dalle scuole, a sviluppare una coscienza culturale in merito.

La battaglia per l’eliminazione della violenza sulle donne si combatte tutti i giorni, non soltanto il 25 novembre.

(Feed generated with FetchRSS)

Leggi Tutto

Fonte MoVimento 5 Stelle Europa on Facebook

Commenti da Facebook
(Visited 6 times, 1 visits today)
Vai alla barra degli strumenti