Jeff Bezos investe nell’anti-invecchiamento

Tempo di lettura: 2 minuti

Dopo aver puntato sullo spazio, il fondatore di Amazon, Jeff Bezos, ha investito in Altos Labs, una startup statunitense dedicata a invertire il processo di invecchiamento e ad estendere la durata della vita umana. Il MIT Tech Review ha riferito che Bezos e altri miliardari hanno investito nella startup biotecnologica della Silicon Valley fondata all’inizio di quest’anno.

La startup sta reclutando importanti scienziati di ingegneria genetica, offrendo uno stipendio annuo di oltre 1 milione di dollari. Il miliardario russo Yuri Milner è tra gli altri investitori.

Altos Labs, che prevede di costruire istituti in California, Regno Unito e Giappone, sta perseguendo la tecnologia di riprogrammazione biologica, ovvero aggiungere proteine ​​a una cellula in modo che ritorni a uno stato simile alle cellule staminali prima della differenziazione.

Gli scienziati affermano che la riprogrammazione cellulare ha un grande potenziale per trattare la perdita della vista, le lesioni del midollo spinale, le lesioni cerebrali e altre degenerazioni corporee legate all’età. In uno studio del 2018, il ricercatote del Salk Institute Juan Carlos Izpisua Belmonte ha affermato che “l’invecchiamento non è un processo irreversibile”.

E proprio Juan Carlos Izpisua Belmonte si unirà ad Altos Labs. Anche altri eminenti scienziati si stanno unendo allo staff della startup, tra cui Steve Horvath, un genetista dell’Università della California che ha sviluppato un modo per rilevare l’invecchiamento delle cellule dai loro marcatori molecolari. Shinya Yamanaka, che ha ricevuto un  premio Nobel  per il suo lavoro sulla riprogrammazione nel 2012, sarà a capo del comitato direttivo di Altos Labs.

Fermare le malattie e prolungare la vita sembra essere un interesse chiave per Bezos. Nella sua lettera del 2020 agli azionisti di Amazon, citava ampiamente il biologo evoluzionista britannico Richard Dawkins: “Evitare la morte è una cosa su cui devi lavorare… se gli esseri viventi non lavorano attivamente per impedirlo, alla fine si fonderebbero con l’ambiente circostante e cesserebbero di esistere come esseri autonomi. Questo è ciò che accade quando muoiono”.

Insieme al collega miliardario  Peter Thiel, Bezos ha anche investito anche in Unity Biotechnology, una startup he sviluppa una tecnologia per ritardare l’invecchiamento a livello cellulare.

Il progetto di allontanare la morte è popolare nella Silicon Valley. Nel 2013, Google ha lanciato Calico, un laboratorio di ricerca e sviluppo per il trattamento dell’invecchiamento. Un anno dopo, il Palo Alto Longevity Prize ha offerto 1 milione di dollari ai ricercatori per trasformare i vecchi organismi in giovani o allungare la durata della vita di una creatura vivente del 50%. Oggi, i ricercatori di 50 paesi possono vincere circa 30 milioni di dollari in premi disponibili attraverso la sfida della “sana longevità” della National Academy of Medicine.

Nir Barzilai, direttore dell’Institute for Aging Research presso l’Albert Einstein College of Medicine di New York, prevede che quest’anno verranno investiti 4,5 miliardi di dollari nella scienza che allunga la vita.

L’articolo Jeff Bezos investe nell’anti-invecchiamento proviene da Il Blog di Beppe Grillo.

Leggi Tutto

Fonte Il Blog di Beppe Grillo

Commenti da Facebook
(Visited 1 times, 1 visits today)
Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Vai alla barra degli strumenti