Le tre verità sulla tratta dei migranti

Tempo di lettura: 2 minuti

Su questo show delle Ong ci sono alcune verità che vanno sottolineate, perché nel delirio delle dichiarazioni – più o meno disinteressate – spesso si perde l’obiettivo. Ma soprattutto si manca il punto fondamentale. Tre verità, andiamo per ordine:

1. Chi sale su una barcone con i suoi figli per attraversare il mare è un disperato, non un turista. Perché sta scappando da una guerra, da una carestia, o da un Paese dove non trova un futuro. Non se ne sta andando in vacanza. Nel caso della Libia, scappano da una guerra che non abbiamo voluto noi ed è bene che la Francia, invece di impartire lezioncine, si assuma le sue responsabilità ed inizi accogliere questi disperati. La Francia e tutti i Paesi che l’Africa l’hanno sfruttata, impoverita, devastata.

2. Un’altra verità è che l’Italia ha già dato e ora è bene che a muoversi sia l’Europa. Qui non si tratta di essere di destra o di sinistra. Qui si tratta di essere realisti: in passato le coop rosse del Pd accoglievano per fare business e profitto sulla pelle di disperati e le Ong che hanno provocato il nostro Paese non fanno diversamente. Ci sarà pure chi è mosso da motivi umanitari, ma la domanda è: chi le finanzia queste Ong? Chi ha interesse ad avere visibilità? Chi ha interesse a fare finire sulle copertine dei maggiori periodici internazionali Carola Rackete? Tutti a esaltare questo personaggio di uno show, che ci distrae e ci fa dimenticare regimi, le cause di conflitti all’estero e sfruttamento che provocano morte, distruzione e, dunque, flussi migratori.

3. Di fronte a tutto questo puoi urlare quanto ti pare, sbraitare, chiudere i porti, ma se non gli confischi la nave questi personaggi tornano in marr, magari a trasportare migranti che ricevono direttamente dagli scafisti, e ricomincia la tiritera. Noi dobbiamo fermare le navi per mettere un punto a questo circo mediatico. Ci siamo rotti le scatole di continuare a parlare di queste comparse e false eroine. Se entri in Italia e ti permetti di violare le nostre leggi, ti tolgo subito l’imbarcazione. Punto. E in mare non ci torni più.
E finalmente torniamo a parlare di lavoro, di occupazione, dei nostri giovani, di diritti delle madri, di famiglie. Perché noi non crediamo che la gente in Italia si alzi la mattina e il suo primo pensiero siano le Carola di turno. Il primo pensiero è lavorare, sentirsi sicuri e guardare al futuro.

L’articolo Le tre verità sulla tratta dei migranti proviene da Il Blog delle Stelle.

Leggi Tutto

Fonte Il Blog delle Stelle

Powered by WPeMatico

Commenti da Facebook
(Visited 9 times, 1 visits today)
Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Vai alla barra degli strumenti