Rifiuti: Roma sotto attacco come tutta l’Italia. Avanti con azioni di contrasto

Tempo di lettura: 2 minuti

roghi.jpg
“Dopo l’incendio di dicembre scorso all’impianto Tmb Salario, stanotte Roma ha subito un ennesimo, gravissimo attacco con un terribile rogo al Tmb di Rocca Cencia. Come ha dichiarato il Ministro Costa, è palese ormai che ci troviamo davanti a un piano ben orchestrato per non far funzionare il sistema dei rifiuti nella Capitale”, spiegano i deputati e le deputate in Commissione Ambiente alla Camera.
“L’obiettivo è sottrarre immediatamente rifiuti a questi criminali, adottando provvedimenti mirati per contrastare definitivamente il drammatico fenomeno che riguarda tutta l’Italia”, proseguono.
“Secondo alcune prime ricostruzioni, l’incendio sarebbe divampato intorno alle 19, orario di massima operatività dell’impianto rendendo l’aria irrespirabile. È arrivato il momento di fermare i responsabili di questi incendi dolosi che rappresentano un vero e proprio attacco all’ambiente e alla salute dei cittadini di Roma. Siamo convinti che le indagini proseguiranno in fretta per dare un volto ai responsabili. È chiaro che bisogna cambiare radicalmente il sistema attuale del ciclo dei rifiuti per intervenire nella cosiddetta “guerra dei rifiuti”, quella che negli ultimi tre anni ha causato oltre 300 incendi dolosi in impianti di riciclo, selezione, stoccaggio e trattamento meccanico biologico da Nord a Sud. Per questo il governo è intervenuto con il decreto “Terra Mia”, per mettere in campo un sistema di massima vigilanza sugli impianti strategici di gestione rifiuti. Parliamo di reati ignobili che danneggiano, spesso irrimediabilmente, la salute dei cittadini e l’ambiente, per questo abbiamo previsto il Daspo per chi inquina, brucia o sversa illegalmente rifiuti. Andremo avanti con azioni mirate per contrastare questi criminali perché il problema riguarda tutto il Paese”, concludono.

Leggi Tutto

Fonte Parlamento

Powered by WPeMatico

Commenti da Facebook
(Visited 12 times, 1 visits today)
Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Vai alla barra degli strumenti