Si apre una nuova fase per il Paese con al centro, finalmente, i cittadini e i loro bisogni (28-01-2019)

Tempo di lettura: 2 minuti

“Oggi è un giorno molto importante per il nostro Paese!”

A dirlo è Davide Tripiedi, portavoce del MoVimento 5 Stelle e vicepresidente della Commissione Lavoro alla Camera dei deputati. “Con la firma del presidente Mattarella sul decreto che contiene Reddito di Cittadinanza e Quota 100 – aggiunge – si apre una nuova fase storica: una nuova idea di Paese, dove finalmente al centro dell’azione di Governo non ci sono più gli interessi di pochi, ma i bisogni più stringenti di milioni di cittadini che per anni sono stati ignorati da una classe politica impegnata soltanto a difendere i propri privilegi”.

reddito-di-cittadinanza-23.jpg

“Il nostro Paese sconta anni di politiche di austerity devastante e sconta anche una fase difficile dell’economia europea della quale, come è ovvio, soffrono maggiormente le fasce di popolazione più deboli. Finalmente però c’è un Governo che sta dedicando la sua azione politica agli italiani più in difficoltà: Reddito e Pensione di cittadinanza sono misure che andranno ad aiutare tanti padri e madri di famiglia, che potranno così pagare le bollette e comprare libri e vestiti per i propri figli, e tanti anziani che fino ad oggi erano costretti a fare la fila alla Caritas per mangiare perché percepivano pensioni ridicole.

Con Quota 100 e Opzione donna poi, consentiremo a diverse migliaia di persone di andare in pensione dopo una vita di sacrifici, consegnando un po’ di flessibilità in uscita alle imprese e dando il là a un necessario ricambio generazionale che offrirà nuova linfa a un mondo del lavoro in continua trasformazione. Ci sarà spazio così per tanti giovani che potranno finalmente avere una nuova prospettiva per il proprio futuro.

Lo dico a gran voce: chiunque si dica contrario a queste misure non vuole il bene degli italiani!”.

Leggi Tutto

Fonte Parlamento

Powered by WPeMatico

Commenti da Facebook
(Visited 15 times, 1 visits today)
Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Vai alla barra degli strumenti