Gli interventi per lo spettacolo

Tempo di lettura: < 1 minuti

Nella prima parte della XVII legislatura i principali interventi hanno riguardato l’introduzione del c.d. ART-BONUS, ossia il credito di imposta per favorire le erogazioni liberali a favore della cultura e dello spettacolo, la revisione dei criteri per l’erogazione dei contributi del Fondo unico per lo spettacolo (FUS) e l’ideazione di misure per i giovani autori.
Sul finire della legislatura è, poi, intervenuta una riforma organica dello spettacolo che, in particolare, ha introdotto nello stesso nuovi settori, esteso l’ ART-BONUS – nel frattempo stabilizzato – a tutti i settori dello spettacolo, reintrodotto, a regime, il credito di imposta a favore delle imprese produttrici di fonogrammi e di videogrammi musicali, nonché delle imprese organizzatrici e produttrici di spettacoli di musica dal vivo. L’intervento deve essere completato, entro il 27 dicembre 2018, attraverso l’adozione di uno o più decreti legislativi.
Un ulteriore intervento è stato costituito dall’introduzione di misure volte a contrastare il fenomeno del c.d. secondary ticketing, ossia il collocamento di biglietti per attività di spettacolo acquistati in maniera massiva e successivamente rivenduti a prezzi superiori rispetto a quelli esposti sul biglietto.
Infine, sono state approvate disposizioni finalizzate al sostegno dei territori colpiti dagli eventi sismici 2016-2017, nonchè di particolari eventi o istituti.

Leggi Tutto

Fonte Camera dei deputati – Attività parlamentare nella XVII Legislatura

Powered by WPeMatico

Commenti da Facebook
(Visited 21 times, 1 visits today)
Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Vai alla barra degli strumenti