Parte dai gate intercontinentali la svolta ‘green’ dei nostri aeroporti

Tempo di lettura: < 1 minuti

L’inquinamento atmosferico in prossimità e all’interno dei nostri aeroporti è purtroppo una realtà consolidata. La qualità dell’aria, nelle aree circostanti ai nostri scali, anno dopo anno è andata sempre peggiorando. Per invertire la rotta è necessario iniziare a diminuire le emissioni, laddove è possibile.

Muove proprio con questo obbiettivo il disegno di legge che vede  il senatore Agostino Santillo come proponente e la senatrice Gabriella Di Girolamo come relatrice, entrambi membri della commissione Trasporti del Senato che ieri ha dato il primo ok al testo. Un provvedimento che dispone la sostituzione di automezzi e attrezzature alimentati con motori endotermici che operano all’interno dell’aeroporto con nuovi mezzi ad alimentazione elettrica, ibrida o ad idrogeno.

Una rivoluzione “green” che partirà dagli hub di Roma-Fiumicino, Milano-Malpensa e Venezia, oggi “investiti” del un ruolo di gate intercontinentali, con l’auspicio che nei prossimi anni possa allargarsi anche ad altri aeroporti del nostro paese.

Le spese di riconversione saranno tutte a carico delle società che hanno in gestione i tre gate, che già in sede di audizione hanno confermato la volontà di intraprendere piano piano questo percorso, che vedrà comunque l’ENAC nel ruolo di guida e di ente addetto ai controlli.

Si tratta di un primo passo cruciale pera diminuire gradualmente le polveri sottili nei tre grandi hub e non solo, e insieme per renderli più competitivi e all’avanguardia. Una svolta che vogliamo far partire subito, per rendere i nostri aeroporti più sostenibili.

L’articolo Parte dai gate intercontinentali la svolta ‘green’ dei nostri aeroporti proviene da Il Blog delle Stelle.

Leggi Tutto

Fonte Il Blog delle Stelle

Powered by WPeMatico

Commenti da Facebook
(Visited 9 times, 1 visits today)
Vai alla barra degli strumenti