🟥 INDAGINE SULLA FUSIONE A2A-AeB, LA RICOSTRUZIONE DEL FATTO QUOTIDIANO Dopo la bocciatura del Consiglio di Stato, sulla fusio…

Tempo di lettura: 2 minuti

🟥 INDAGINE SULLA FUSIONE A2A-AeB, LA RICOSTRUZIONE DEL FATTO QUOTIDIANO

Dopo la bocciatura del Consiglio di Stato, sulla fusione tra A2A e la multiutility brianzola AEB mette i suoi primi punti fermi anche la procura di Monza. Nell’ambito dell’inchiesta avviata nei mesi scorsi risulta indagata una decina di persone, tra cui la presidente di AEB Loredana Bracchitta, insieme ad alcuni membri del vecchio cda, ad Alberto Rossi, sindaco Pd del Comune di Seregno (principale azionista di AEB), all’assessore alle Partecipate Giuseppe Borgonovo, al segretario comunale Alfredo Ricciardi e ad alcuni dirigenti di A2A.

🔻All’iscrizione nel registro degli indagati della Bracchitta è dedicato un passaggio della relazione semestrale di A2A, dove si fa riferimento alle perquisizioni condotte dalla Guardia di Finanza di Seregno lo scorso 5 luglio e si indicano come ipotesi di reato corruzione e turbata libertà del procedimento di scelta del contraente, il tutto per atti commessi a partire da ottobre 2019. È questo il periodo in cui AEB, come raccontato da Il Fatto Quotidiano (https://www.ilfattoquotidiano.it/in-edicola/articoli/2020/06/29/a2a-si-ferma-al-tar-lo-stop-in-brianza-porta-molti-guai/5850824/) si prepara all’integrazione con A2A affidando alcune consulenze preparatorie alla società Roland Berger. Valore totale delle consulenze, che riguardano lo stesso tema, circa 300mila euro, ma gli incarichi vengono spezzettati in modo da non superare la soglia per le gare e da essere affidati direttamente.

🔻Alla fusione con A2A si arriva nell’aprile del 2020, anche questa volta senza alcun bando pubblico che consenta di cercare sul mercato eventuali soluzioni più convenienti per i comuni brianzoli soci di AEB, che nell’ambito dell’integrazione societaria cedono parte delle loro quote ad A2A. La fusione viene bocciata dal Tar con una decisione che a inizio settembre viene confermata dal Consiglio si Stato: l’operazione avrebbe dovuto passare per un bando pubblico, visto che ad acquisire una parte del capitale di AEB (interamente pubblica) è stata A2A, per metà proprietà dei Comuni di Milano e Brescia, ma per l’altra metà posseduta da soci e investitori privati. Per questo i giudici annullano la delibera con cui il Comune di Seregno aveva dato il via libera alla fusione.

🔻L’indagine nasce da due esposti depositati in procura da Tiziano Mariani, il consigliere comunale di Seregno che ha fatto ricorso al Tar insieme ad alcune piccole aziende del settore della distribuzione del gas e al consigliere regionale del M5S Marco Fumagalli. Per Mariani, la permanenza di Bracchitta alla guida di AEB comporta “una situazione quanto meno inopportuna” e chiede le sue dimissioni oltre a quelle del sindaco e degli altri indagati. Bracchitta, autrice un anno fa di un comunicato stampa dal sapore intimidatorio nei confronti di Mariani (“ci sarà da piangere, in auto e a piedi, e sarà dura girare per Seregno nei panni dell’eroe di turno”) siede anche nel consiglio di amministrazione della società del comune di Milano MM spa, su designazione del sindaco Giuseppe Sala. Resta da vedere se l’avviso di garanzia ricevuto avrà conseguenze in MM. E se le novità provenienti dalla procura di Monza convinceranno A2A e AEB ad adeguarsi alla sentenza del Consiglio di Stato, visto che sinora nulla è cambiato. E sul sito di AEB campeggia ancora la dicitura “gruppo A2A”.

▶️ https://www.ilfattoquotidiano.it/2021/09/26/fusione-a2a-aeb-10-indagati-dalla-procura-di-monza-anche-la-presidente-della-multiutility-bracchitta-e-il-sindaco-di-seregno-rossi/6333273/

(Feed generated with FetchRSS)

Leggi Tutto

Fonte Marco Fumagalli M5S Lombardia on Facebook

Commenti da Facebook
(Visited 3 times, 1 visits today)
Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Vai alla barra degli strumenti