Pensa (e costruisci) come gli animali

Tempo di lettura: 2 minuti

“Non è possibile costruire meglio di un animale. Non esiste un uomo capace di costruire una casa più adatta alle sue esigenze e a quelle dei suoi piccoli di quelle costruite dagli animali”. Ambroise Paré

Varie specie di animali hanno inventato la porta. Le vespe usano dischi circolari per chiudere i loro nidi tubolari. E gli uccelli rondoni Panyptila cayennensis, costruiscono il loro nido d’argilla sotto le sporgenze delle scogliere  con un’entrata fittizia per ingannare gli uccelli predatori.

Una ragnatela con uno spessore e una dimensione del filo simile a una rete da pesca potrebbe catturare un aereo passeggeri durante il volo (Science News, 1995). Quel tessuto è prodotto con poca energia, mentre  il kevlar – il materiale utilizzato nei giubbotti antiproiettile – richiede di versare le molecole in un contenitore pressurizzato di acido solforico e di riscaldarle a diverse centinaia di gradi per convertirle in cristalli liquidi. Nessuno dei metalli artificiali o di nessuna delle moderne fibre resistenti si avvicina minimamente alla combinazione della forza e dell’elasticità del filo di una ragnatela. La resistenza di questo filo è 3 volte superiore a quella dell’acciaio. È persino più forte del Kevlar.

L’architetto e saggista finlandese Juhani Pallasmaa ha raccolto nel suo libro Animals Architecture (uscito solo in inglese) dati curiosi, tecniche di costruzione, osservazioni e analisi del comportamento degli animali quando costruiscono le loro abitazioni. Le conclusioni sono sorprendenti.

Secondo l’architetto gli animali non costruiscono solo nidi e tane, e molte delle loro opere superano gli umani. La diga più lunga eretta dai castori è lunga 1,2 chilometri. E i tunnel che le termiti perforano nel deserto raggiungono i 40 metri, il che equivarrebbe a 9 chilometri a misura d’uomo.

I calabroni, che devono mantenere 35º per la secrezione della cera, hanno inventato un sistema di riscaldamento autosufficiente. Nella zona di incubazione, un gruppo di lavoratori agisce come radiatori attivi e mantiene la temperatura a 30 gradi. Lo fanno eseguendo un costante esercizio muscolare: contraendo e allargando l’addome. Poiché i nidi possono surriscaldarsi in estate, i calabroni trasportano acqua per inumidire le cellule e raffreddarle per evaporazione. Per ventilare il nido d’ape, sbattono le ali.

Sembra che gli esseri umani siano gli esseri viventi che abbiamo imparato meno a trarre vantaggio dal sole. Le formiche operaie mantengono le pendenze del formicaio all’angolazione corretta per ottenere la massima quantità di calore solare. Inoltre prendono il sole e ritornano con quell’energia termica carica nei loro corpi per agire come radiatori viventi.

Gli animali usano gli stessi materiali di molte popolazioni aborigene e metodi di lavoro simili.

Il comportamento umano e le costruzioni umane si sono purtroppo allontanati pericolosamente dal loro contesto naturale. Farlo sarebbe una grande fonte di ispirazione.

 

Articolo tratto da El Pais

 

Leggi Tutto

Fonte Il Blog di Beppe Grillo

Commenti da Facebook
(Visited 5 times, 1 visits today)
Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Vai alla barra degli strumenti